Home Flash News Che menù a Rossopomodoro!

Che menù a Rossopomodoro!

RossoPomodoro si racconta nei nuovi menu che potremmo gustare, con gli orari previsti dal nuovo decreto presso le loro 140 distribuiti in 11 paesi con i marchi Rossopomodoro, Anema e Cozze, Rossosapore e Ham Holy Burger. Ma Rossopomodoro nasce ovviamente a Napoli, e non sarebbe potuto accadere diversamente…
È il 1997 quando Franco Manna insieme ad amici con alle spalle già un po’ di esperienza di ristorazione aprono in Corso Vittorio Emanuele, zona Mergellina, il primo ristorante che chiamano Rossopomodoro prendendo spunto dal colore rosso dei capelli di un amico che farà da padrone di casa …il mitico “CEFFO”.
Una tipica pizzeria napoletana: menù da trattoria, prezzi modici, ottima qualità dei prodotti e ricette tipiche appetitose! Il successo di Rossopomodoro di corso Vittorio Emanuele è immediato e il locale diventa un punto di ritrovo dei napoletani: ai tavoli si siedono centinaia di clienti al giorno, studenti dei vicini licei , attori, cantanti e la sera non mancano i nottambuli!
La famosa pizza Verace con la mozzarella di bufala e l’olio extravergine di Sorrento o la Tiella, il piatto di fritture napoletane, che ha avuto così tanto successo da rimanere anche oggi uno dei punti fissi del menù. 
Ma questi con il team degli chef di Rossopomodoro varia con il variare delle stagioni per essere sempre in linea con i prodotti di stagione.
Ecco allora che un nuovo menù 100% partenopeo, nato come in ogni cambio stagione dalla passione degli Executive Chef di Rossopomodoro Antonio Sorrentino e Enzo De Angelis, con tanti ingredienti tipici campani e abbinamenti di gusto aggiorna le carte delle pizzerie del gruppo Sebeto. Con una novità di eccezione ora, 11 varietà di pomodori, abbinati sapientemente in piatti e pizze per tutti i gusti.
Tanti i pomodori che offre la Campania: ibridi, contemporanei e varietà di origini molto antiche, coltivate da contadini locali che tutelano la continuazione di queste preziose specie, salvaguardando il grande patrimonio agricolo del nostro territorio. Per questo Rossopomodoro ha ideato la “carta dei pomodori campani” che accompagna la lettura del menù. Alcuni utilizzati freschi, altri in “conserva”, utilizzabili in tutto l’arco dell’anno, hanno dato vita alla novità strepitosa per gli amanti della regina delle pizze, l’intramontabile pizza Margherita che nel nuovo menù di stagione quadruplica il suo gusto con 4 diverse varianti, ognuna con un pomodoro diverso! La “Tradizionale”; La “Battipaglia”; la “Vulcanica” e la Margherita “Antica” Tra le nuove pizze ci sono anche le “Golosone”, un’esaltazione di gusto con abbinamenti molto particolari come la “Gran Biscotto“ con prosciutto cotto Rovagnati, un brand 100% Made in Italy, con parmigiana di Melanzane. Nel menù autunno inverno di Rossopomodoro non poteva mancare il classico “Ragù” sui Fusilli lunghi, accompagnato da ricotta di bufala, bocconcini di carne, grana e basilico. Tra le insalate, le “poche poke calorie” con ingredienti misti, verdure, carne o pesce servite in ciotole stile Poke con una base di riso integrale per mantenersi in linea. Anche in questo nuovo menù l’acqua, bene essenziale, è affidata all’eccellenza di un marchio conterraneo, Ferrarelle, il cui nome basta a dire tutto: continua la partnership giocata in casa che unisce la storia di Rossopomodoro a quella dell’acqua più amata dagli italiani. Tra i dolci in carta, il “nero magnà”, tortino di cioccolato fondente con gelato al latte di bufala. Per finire il pasto come vuole la tradizione napoletana il rito del caffè preparato con la miscela di Caffè Vergnano, marchio d’eccellenza italiana.
Ed allora lasciamo la parola a Roberto Colombo, A.D di Rossopomodoro
La grande qualità del nostro menù, oltre che nei suoi ingredienti d’eccellenza, sta nella sua semplicità. In questo nuovo menù di stagione ci sono nuove idee, tante novità, soprese, ma sempre partendo dalla tradizione napoletana, quella semplice, genuina, emozionante, che tutti conoscono e amano. In questo momento storico, abbiamo il dovere e il piacere di aggiungere gusto alla vita e serenità ai nostri clienti. E in questo, i sapori e l’allegria di Napoli, sono campioni.”
Roberto Colombo e Davide Civitiello
Ma ricordiamoci che: Rossopomodoro è la più grande catena di pizzerie napoletane nel mondo. Da 22 anni mantiene questa leadership basando la sua filosofia su 3 importanti pilastri: la qualità delle materie prime, scelte da fornitori storici e d’eccellenza, la lavorazione artigianale affidata a pizzaiuoli e chef di scuola partenopea e il servizio impeccabile, fondato sulla rinomata accoglienza napoletana.
L’esperienza di Rossopomodoro è riassunta nel suo claim “come un giorno a Napoli” che significa immergersi nella storia, nella cultura e nei sapori di Napoli in qualunque Rossopomodoro ci si trovi in Italia e nel mondo. Oggi, Rossopomodoro conta più di 100 ristoranti pizzerie, situati nei centri storici delle più importanti città italiane, Roma, Firenze, Milano, Bologna, Palermo, Bari, Torino, Genova, Venezia, Perugia…, in diverse località turistiche da Nord a Sud, così come nelle stazioni e aeroporti principali e in tantissimi Centri Commerciali dell’intero Paese. Oggi Rossopomodoro è il punto di riferimento della vera pizza e cucina napoletana, per almeno 10 milioni di clienti nel mondo.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.